Cerca nel blog

giovedì 14 maggio 2015

MIO ANGELO



Mio Angelo esiliato

il tuo sorriso mi ottenebra,
il tuo silenzio sono nuvole
che rattristano.
In alto il cielo è grande,
anche col vento quieto
sento un frusciar di foglie.
E tra il sonno e il sogno
tutti i tramonti
annegano nella mia anima.