Cerca nel blog

lunedì 11 gennaio 2016

BELLEZZA







Bellezza sei vagabonda sulla terra,
e non hai casa sull'isola lontana
o in città perdute dove ricchezza e gioia
e tutte le Muse sorridono.
Eppure le Muse sempre ti nutrirono
con amore e ti seguirono per ogni terra;
e il tuo calice difesero dall'assetato tempo.
Sei vagabonda, Bellezza! Come i raggi
che ora sui platani, ora sull'assonato lago 
velocemente scorrono o pigramente indugiano,
a volte molti insieme a volte soli.
Ti chiamai o mia ansiosa creatura, e tu
ti volgesti, dicendomi qualcosa,
forse sparigliandomi i capelli sulla fronte,
dicesti che nessuno preferivi a me.
In tante forme splendenti sei apparsa,
e in molte lingue dolci hai parlato:
Bellezza! I tuoi incantesimi col cuore li
ho sentiti, soffrendo quando mi legavano,
penando quando mi scioglievano.